Home » Piano di emergenza » Centro Operativo Comunale (COC)

Centro Operativo Comunale (COC)

Il Sindaco, in caso di emergenza, istituisce un Centro Operativo Comunale per il coordinamento dei servizi di soccorso e di assistenza alla popolazione. Tenendo presente i requisiti di non vulnerabilità e di facile accesso, il COC verrà allestito presso la sede della Polizia Municipale, ovvero nel Palazzo Comunale. Il COC, per l’espletamento delle proprie funzioni, si avvale della Sala Operativa, nonché di una Segreteria e di un Addetto Stampa.

La Sala Operativa è la struttura destinata al coordinamento delle attività di Protezione Civile necessarie a fronteggiare l’emergenza. I compiti della Sala Operativa sono:

  • attività di presidio in h 24 per le segnalazioni di emergenza;
  • attività di coordinamento dell’emergenza;
  • attività di supporto alle strutture di protezione civile di competenza nazionale e regionale;
  • aggiornamento dati;
  • collegamento con tutte le strutture di protezione civile.

La Sala Operativa è strutturata secondo le “Funzioni di Supporto”, di seguito riportate.

Funzioni di Supporto
Denominazione Principali attività
 Tecnica e di Pianificazione Mantenere e coordinare tutti i rapporti tra le varie componenti scientifiche e tecniche (Istituti di ricerca e di monitoraggio, Università, Servizio Forestale, Comunità Scientifiche, Servizi Tecnici e Ordine Professionali), aggiornare lo scenario degli eventi sulla base dei dati acquisiti dalle reti di monitoraggio.
Sanità, Assistenza Sociale e Veterinaria Pianificare e gestire tutte le problematiche relative agli aspetti sociosanitari dell’emergenza, coordinare le attività svolte dai responsabili della Sanità Locale e delle Organizzazioni di Volontariato che operano nel settore sanitario.
Volontariato La funzione volontariato si occupa di redigere un quadro sinottico delle risorse in termini di mezzi, materiali, uomini e professionalità in relazione alla specificità delle attività svolte dalle Organizzazioni locali, al fine di supportare le operazioni di soccorso ed assistenza, in coordinamento con le altre funzioni.
Materiali e mezzi la funzione materiali e mezzi, con l’utilizzo di un database, ha il compito di
fornire un quadro costantemente aggiornato delle risorse disponibili in situazione di emergenza, attraverso il censimento dei materiali e mezzi nel territorio comunale (Enti Locali, Volontariato, ditte e fornitori privati ed altre amministrazioni presenti nel territorio).
Servizi essenziali e attività scolastica nsabile della funzione ha il compito di coordinare i capi di istituto ed i rappresentanti di tutti i servizi essenziali erogati sul territorio comunale, a cui è richiesto di provvedere ad immediati interventi sulla rete per garantirne l’efficienza anche in situazioni di emergenza, secondo i rispettivi piani particolareggiati (soprattutto i servizi essenziali nelle aree destinate per scopi di protezione civile, nelle strutture più vulnerabili, nelle scuole, negli ospedali, etc.).
Censimento danni a persone e cose abile della funzione, al verificarsi della calamità, dovrà coordinare il censimento dei danni riferito a persone, edifici pubblici, edifici privati, impianti industriali, servizi essenziali, attività produttive, opere di interesse culturale, infrastrutture pubbliche, agricoltura e zootecnia, utilizzando naturalmente un apposito software di gestione sopralluoghi e caricamento dati delle schede.
Per il censimento dei danni, per eventi di non grande severità, il responsabile si avvarrà di funzionari dell’U.T.C. o del Genio Civile e di esperti del settore sanitario, industriale e commerciale.
E’ altresì ipotizzabile l’impiego di squadre miste di tecnici di vari enti per le verifiche speditive di stabilità che dovranno essere effettuate necessariamente in tempi brevi e provvederanno anche ad indicare gli interventi urgenti. Dovranno essere messi in sicurezza gli edifici pericolanti, per evitare danni alle persone e interruzioni alla rete viaria e per limitare il progredire del danno. In caso di eventi di eccezionale gravità i sopralluoghi saranno coordinati dalle autorità nazionali e/o regionali ed accentrati in specifiche strutture tecniche dislocate in uno o più centri operativi.
 Strutture operative locali e viabilità Il responsabile dovrà coordinare tutte le strutture operative locali, comprese
quelle istituzionalmente preposte alla viabilità, secondo quanto previsto dal rispettivo piano particolareggiato.
Telecomunicazioni Il responsabile di questa funzione dovrà, di concerto con il responsabile territoriale delle società telefoniche, con il responsabile provinciale P.T. e con il rappresentante dei radioamatori presenti sul territorio, predisporre una rete di telecomunicazione alternativa non vulnerabile anche in caso di evento di notevole entità.
In particolare sarà censita la presenza di strutture volontarie radioamatoriali e
valutata l’opportunità di accesso a sistemi di comunicazione satellitari ove e quando disponibili.
Assistenza alla popolazione il responsabile dovrà: assicurare il fabbisogno di pasti caldi per la popolazione e, ove necessario, per soccorritori e volontari, con servizio di catering o con l’approntamento di cucine campali; fornire un quadro delle disponibilità di alloggiamenti e dialogare con le autorità preposte alla emanazione degli atti necessari per la messa a disposizione degli immobili e delle aree; provvedere ad un censimento degli appartenenti alle categorie deboli o a particolare rischio, della loro dislocazione e dei loro immediati fabbisogni specifici nella prima fase dell’emergenza; attivare il personale incaricato per il censimento della popolazione nelle aree di ricovero attraverso una specifica modulistica.
Segreteria e gestione dati La struttura ha il compito della gestione amministrativa dell’emergenza e della raccolta, rielaborazione e smistamento dei dati che affluiscono dalle singole Funzioni di supporto, rendendoli disponibili a tutta la struttura del C.O.C.
Ufficio Stampa il Responsabile istituisce e mantiene efficiente una sala stampa (telefoni, fax, computers, stampanti, fotocopiatrici, materiale di cancelleria, etc..) e stabilisce contatti con gli organi di stampa più diffusi sul territorio e con radio e televisioni locali per una informazione periodica e sempre aggiornata sui temi della Protezione Civile.
In emergenza l’Ufficio, attraverso l’addetto Stampa, gestisce il flusso dell’informazione alla popolazione con comunicati brevi, precisi e chiari.
Nei primissimi momenti dell’emergenza, per garantire un’informazione tempestiva, saranno utilizzati altoparlanti posti sulle auto della Polizia Municipale e della Protezione Civile.

Torna a Piano di emergenza